news

Le star del jazz diventano “Pota Quartet”, e il concerto in osteria si fa glocal

Dario Faiella
Redazione
Scritto da Redazione

Può accadere che scivolare dal Blue Note, il palcoscenico jazzistico per eccellenza, all’osteria della valle bergamasca sia una scelta consapevole e non uno scherzo del destino. Quattro musicisti tra i più apprezzati d’Italia hanno scelto di sperimentare vestendosi di glocal: per una notte si trasformeranno nel “Pota Quartet”, riprendendo simpaticamente un termine del dialetto bergamasco.

Pota Quartet

La locandina della serata

 

A portare in osteria, tra un casoncello ed una polenta taragna, le note generate dalla più profonda cultura musicale afroamericana saranno Dario Faiella (chitarrista che ha collaborato, tra gli altri, con Gloria Gaynor, Giorgio Gaber, Roberto Vecchioni, Mia Martini ed Eros Ramazzotti), Fabrizio Trullu (pianoforte), Sandro Massazza (contrabbasso) e Vittorio Marinoni (batterista, già al fianco di Stefano Bollani, Fabio Treves, Gianluigi Trovesi e Giorgio Gaslini).

L’affermato quartetto si esibirà venerdì prossimo, 29 gennaio, in una tra le osterie più tradizionali della bassa Valle Seriana, a pochi chilometri dall’autostrada A4: l’Osteria del Giorgio, a Ranica. A partire dalle 20.00 gli ospiti saranno condotti attraverso vari assaggi della tradizione enogastronomica orobica per poi abbandonarsi, alle 21.30, alle suggestioni del “Pota Quartet”. In programma alcuni popolari brani del repertorio classic jazz.

Info Autore

Redazione

Redazione