Attualità

Abbonamenti ferroviari Alta Velocità: nuove garanzie per i clienti

frecciarossa
Federica Frigeri
Scritto da Federica Frigeri

Gli abbonati dei treni ad Alta Velocità godranno di qualche garanzia in più rispetto ad oggi: lo ha stabilito l’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART).

 

Le nuove regole, che dovranno essere attuate entro il 1 gennaio 2017, prevedono che chi fornisce un servizio di abbonamento ferroviario garantisca ai passeggeri:

  • Il diritto al cambio di prenotazione, indipendentemente dal canale utilizzato per effettuarla, oppure Il diritto al rimborso del biglietto nel caso l’abbonato non veda soddisfatto nella giornata di viaggio il proprio programma a causa di ritardi o soppressioni
  • Un’informazione completa circa l’abbonamento
  • Un’organizzazione dell’offerta di abbonamento adeguata alle specifiche esigenze del singolo
  • La possibilità di comprare l’abbonamento 15 giorni prima dell’inizio del mese (e non solo una settimana prima come accade ora)

Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori, esprime la sua soddisfazione a riguardo: l’ART “ha avvisato che vigilerà sull’applicazione delle misure”. Ma Federconsumatori dichiara insufficienti le novità: la svolta è arrivata dopo un anno dalla denuncia dei pendolari – possessori dell’abbonamento – della tratta Torino-Milano, che si erano visti imporre la prenotazione del posto a sedere e, di conseguenza, il divieto a viaggiare in piedi come accade frequentemente negli orari di punta.

Con queste nuove regole ora si ha diritto a cambi o rimborsi ma la prenotazione resta, in ogni caso, obbligatoria e i servizi di trasporto non sono migliorati, né sono adeguati al costo del biglietto richiesto. Ne deriva una distorsione: i passeggeri occasionali hanno maggiori diritti rispetto agli abbonati.

Info Autore

Federica Frigeri

Federica Frigeri

25 anni: uno in Inghilterra, uno in biblioteca, molti a scuola. Laureata in Scienze della Comunicazione, al momento un po’ stagista e un po’ laureanda in Editoria.