Attualità Musica e Spettacolo

Oscar: tutte le statuette italiane dal 1948 ad oggi

Ennio Morricone Oscar
Federica Frigeri
Scritto da Federica Frigeri

Gli Oscar 2016 passeranno alla storia per la tanto sudata affermazione di Leonardo DiCaprio e per la statuetta assegnata ad Ennio Morricone grazie alla colonna sonora del film The Hateful Eight.

 

Il compositore ha ricevuto ieri il suo secondo riconoscimento: il primo risale al 2007, quando gli venne attribuito il premio alla carriera. Orgoglio italiano, si è visto dedicare una standing ovation dalla platea del Dolby Theater di Los Angeles e, accompagnato sul palco dal figlio, ha ringraziato il team ed ha dedicato la statuetta alla moglie Maria.

L’Italia e gli Oscar

Il cinema italiano ha una lunga tradizione di statuette vinte: solo due anni fa, il regista Paolo Sorrentino ha sbaragliato il campo vincendo il premio destinato al miglior film straniero per La grande bellezza. Prima di lui, aveva ottenuto l’Oscar il regista Gabriele Salvatores con Mediterraneo. E come dimenticare lo splendido film Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore?

nuovo cinema paradisoNuovo Cinema Paradiso, 1988

A proposito della categoria “miglior film straniero”, sono passati alla storia due capolavori del cinema italiano: Ladri di biciclette di Vittorio De Sica e 8 ½ di Fellini. I due registi hanno vinto, rispettivamente, quattro statuette a testa.  De Sica ottenne il primo Oscar con Sciuscià, opera rappresentativa del cinema neorealista italiano, quindi il secondo con Ladri di biciclette, per proseguire con Ieri, oggi, domani (vincitore nel 1965) e infine Il giardino dei Finzi Contini, film che riprendeva l’omonimo romanzo di Giorgio Bassani.

8 ½ di Fellini vide assegnare il riconoscimento anche al costumista Pietro Gherardi (che l’aveva già ricevuto nel 1962 con La dolce vita). Il regista di Rimini ritirò altri tre Oscar per La strada, il drammatico Le notti di Cabiria e l’autobiografico Amarcord.

Ladri di biciclette

Ladri di Biciclette, 1948

Sul podio con quattro statuette, anche la costumista italiana Milena Canonero. Nel 2015 ha conquistato il suo quarto Oscar per Grand Budapest Hotel, dopo averlo vinto con Barry Lyndon (1975), Momenti di gloria (1981) ed i bellissimi costumi della Francia di fine ‘700 di Marie Antoinette (2006).

Tra i vincitori, negli anni, La vita è bella. Il capolavoro del 1997 ha guadagnato tre Oscar: due a Roberto Benigni (regista per il miglior film straniero e miglior attore protagonista) ed il terzo a Nicola Piovani, miglior colonna sonora.

Indimenticabile resta poi l’interpretazione di Sofia Loren ne La ciociara. E anche l’attrice, come Morricone, ha ricevuto un Oscar alla carriera, nel 1991.

59 gli Oscar totali che hanno preso la strada dell’Italia: tra questi, tre Oscar “tecnici” sono stati vinti dal produttore discografico Giorgio Moroder ed altri tre da Carlo Rambaldi con i suoi effetti speciali (King Kong, Alien ed E.T.). Stesso numero di premi per Dante Ferretti e Federica Lo Schiavo, che insieme hanno ritirato l’Oscar per la scenografia di L’aviatore, Sweeney Todd e Hugo. Mentre per la fotografia, Vittorio Storaro ne ha vinto lo stesso numero con il film cult Apocalypse Now, quindi con Reds e infine con L’ultimo imperatore.

Tutti gli Oscar italiani

Di seguito l’elenco completo degli Oscar vinti dagli italiani:

Quattro Oscar
Vittorio De Sica
Miglior film straniero per Sciuscià, Ladri di biciclette, Ieri, oggi e domani e Il giardino dei Finzi Contini
Federico Fellini
Miglior film straniero per La strada, Le notti di Cabiria, , e Amarcord
Milena Canonero
Migliori costumi per Barry LyndonMomenti di gloria, Maria Antonietta e Grand Budapest Hotel

Tre Oscar
Giorgio Moroder
Miglior colonna sonora per Fuga di Mezzanotte, Migliore canzone per Flashdance e Top Gun
Carlo Rambaldi
Migliori effetti speciali per King KongAlienE.T.
Dante Ferretti e Federica Lo Schiavo
Miglior scenografia per L’aviatoreSweeney ToddHugo
Vittorio Storaro
Miglior fotografia per Apocalypse nowRedsL’ultimo imperatore

Due Oscar
Piero Gherardi
Migliori costumi per La dolce vita
Vittorio Nino Novarese
Migliori costumi per Cleopatra e Cromwell
Danilo Donati
Migliori costumi per Romeo e Giulietta e Il Casanova di Federico Fellini
Pietro Scalia
Miglior Montaggio per JFKBlack hawk down
Roberto Benigni
Miglior film straniero e migliore attore protagonista per La vita è bella
Sofia Loren
Migliore attrice protagonista per La ciociara e Oscar alla carriera
Bernardo Bertolucci
Miglior film e migliore sceneggiatura non originale per L’ultimo imperatore
Ennio Morricone
Oscar alla carriera e Migliore colonna sonora per The Hateful Eight

Un Oscar
Anna Magnani
Migliore attrice per La rosa tatuata
Pietro Germi, Ennio De Concini, Alfredo Giannetti
Migliore sceneggiatura originale per Divorzio all’italiana
Elio Petri
Miglior film straniero per Indagine su di un cittadino al di sopra di ogni sospetto
Giuseppe Tornatore
Miglior film straniero per Nuovo Cinema Paradiso
Gabriele Salvatores
Miglior film straniero per Mediterraneo
Pasqualino de Santis
Migliore fotografia per Romeo e Giulietta
Nino Rota
Migliore colonna sonora per Il padrino parte II
Gianni Quaranta e Elio Altamura
Migliore scenografia per Camera con vista
Ferdinando Scarfiotti, Bruno Cesari, Osvaldo Desideri
Migliore scenografia per L’ultimo imperatore
Gabriella Cristiani
Migliore montaggio per L’ultimo imperatore
Manlio Rocchetti
Miglior trucco per A spasso con Daisy
Francesca Squarciapino
Migliori costumi per Cyrano de Bergerac
Luciana Arrighi
Migliore scenografia per Casa Howard
Gabriella Pescucci
Migliori costumi per L’età dell’innocenza
Nicola Piovani
Migliore colonna sonora per La vita è bella
Dario Marianelli
Migliore colonna sonora per Espiazione
Mauro Fiore
Migliore fotografia per Avatar
Michael Giacchino
Migliore colonna sonora per Up
Paolo Sorrentino
Miglior film straniero per La grande bellezza

 

Info Autore

Federica Frigeri

Federica Frigeri

25 anni: uno in Inghilterra, uno in biblioteca, molti a scuola. Laureata in Scienze della Comunicazione, al momento un po’ stagista e un po’ laureanda in Editoria.